Masturbazione con i piedi: come farla al meglio

La masturbazione con i piedi (chiamata anche footjob o, più volgarmente, sega con i piedi) è una pratica molto apprezzata, soprattutto dai feticisti che provano un’attrazione sessuale dal contatto con i piedi femminili. È inserita in un contesto preliminare e serve quindi a preparare fisicamente e mentalmente ad un rapporto completo.

Negli ultimi anni sempre più uomini e donne si concedono a questo tipo di masturbazione alternativa che può essere messa in atto in diversi modi: a piedi nudi, con i tacchi, con le calze, ecc. Chiunque può dedicarsi a questa particolare pratica, quindi non è importante essere delle esperte Mistress con esperienza pregressa.

Bisogna solo prestare attenzione ad alcuni piccoli particolari per per evitare di trasformare il tutto in un’esperienza negativa. Se anche tu vuoi approfondire questo argomento, di seguito ti mostrerò tutto quello che devi sapere per farlo al meglio.

Footjob, il preliminare perfetto

Partiamo dal termine inglese che è composto dalle parole foot = piede e job = lavoro; letteralmente lavoro di piede. Non è una pratica ad appannaggio esclusivo dei feticisti estremi, tantoché negli ultimi anni sta trovando sempre più adepti nel mondo anche per variare dalla routine dei rapporti tradizionali.

Utilizzare i piedi nel sesso stimola l’eccitazione e non per forza è da ricondurre ad un’ossessione per il feticismo. Un recente studio ha analizzato le abitudini sessuali di 5000 persone e il 26% di loro ha dichiarato di mettere in atto un feticismo legato ad una parte del corpo; la metà di loro, inoltre, si è dichiarato feticista dei piedi.

Anche gli psicologi hanno tentato di dare una riposta ai motivi di questa pratica e alcuni convergono sul fatto che il piede essendo una parte del corpo nascosta ha un valore intimo e privato maggiore rispetto alle parti scoperte e visibili.

Come fare una buona masturbazione con i piedi

sega con i piedi sexyPer poter donare piacere attraverso i piedi è importante mettere in atto alcuni accorgimenti. La lubrificazione è sicuramente una delle preoccupazioni maggiori da tenere in mente e applicare oli specifici a base acquosa può dare quel tocco di piacere in più e rendere l’esperienza ancora più appagante.

È importante che tu scelga una posizione comoda e che entrambi siate rilassati e comodi. È consigliato procedere per passi, creando il giusto gradi di eccitazione. Dopo i primi baci e i primi contatti fisici, procedi alla stimolazione dei testicoli con la punta delle dita dei piedi o con la pianta, effettuando dei lenti movimenti circolari.

Dopo aver applicato il lubrificante sui piedi e sul pene, inarca i piedi e stringili attorno all’asta del pene: il punto che permette una gestione ottimale è quello appena sotto le dita dei piedi. Per fare un po di pratica si può utilizzare una banana o un oggetto dalla forma fallica che consentirà di avere una maggiore scioltezza nel preliminare vero e proprio.

A questo punto, con i piedi ben saldi sul pene, fai su e giù come faresti con la mano. Per una maggiore stimolazione possono essere mosse le dita dei piedi che provocano una sensibilità in più parti. Anche le gambe devono seguire il movimento che consentirà di stancarti di meno, perciò sfrutta tutta la zona degli arti inferiori, dall’anca fino ai piedi.

Aumenta il ritmo in maniera costante e presta attenzione alla pressione che stai esercitando; con la mano risulta essere molto più facile rispetto ai piedi, quindi procedi con dolcezza e delicatezza.

La seduzione parte anche dal viso pertanto utilizza le labbra, la lingua e tutta la carica espressiva dl viso per aumentare l’eccitazione del partner.

Footjob con collant e tacchi

Ogni feticista dei piedi che si rispetti ama osservare, toccare e riporre le sue fantasie erotiche in piedi femminili adornati da collant, tacchi, décolleté, stiletti e tanto altro ancora. Risulta essere molto eccitante per l’uomo osservare la propria partner nuda o con un intimo sexy con indosso solo dei collant o dei tacchi.

Nel momento di costruzione dell’atmosfera, fai sedere o distendere il partner e concediti a uno spogliarello, che culminerà in uno strip-tease quasi totale che ti lascerà nuda (o quasi). Dirigiti verso lui e accarezzalo nell’interno coscia e successivamente siediti di fronte e comincia ad utilizzare i piedi.

Molti uomini adorano leccare anche le scarpe e il tacco, mentre altri preferiscono rimuoverli e concentrarsi sui piedi con i collant. Anche le calze di nylon hanno un grande successo in questa pratica, risultano essere però più scivolose e meno aderenti.

Posizioni migliori per fare un’ottima sega con i piedi

footjob sadomasoCosì come in qualsiasi altra pratica sessuale, l’attuazione di una o più tecniche specifiche garantisce un risultato ottimale. Per fare una sega con i piedi perfetta bisogna innanzitutto trovare la posizione migliore e più comoda per te.

Distenditi o mettiti in posizione seduta e cerca di non irrigidire i piedi per non correre il rischio di avere crampi e per poter eseguire i movimenti di masturbazione con la maggiore scioltezza possibile. Adesso sei pronta per mettere in atto alcune posizioni:

  • seduta sulle spalle: il partner dovrà sedersi sul divano e tu dovrai sederti sulle sue spalle, da dietro, con le gambe aperte; in poche parole dovrai avere la vagina a contatto con la sua nuca. Da quella posizione masturbalo con i piedi. Non richiede particolari sforzi e entrambi potete regolare l’intensità dl movimento;
  • solejob: in questa versione il partner deve sedersi sul letto e tu dovrai metterti in posizione opposta a pancia sotto e procedere alla masturbazione con la pianta dei piedi. Esegui dei movimenti su e giù mantenendo dita e pianta più morbidi possibili. Fai forza sui muscoli delle gambe ma presta attenzione alla ripartizione dell’intensità;
  • morsa tradizionale: questa è la pratica per eccellenza nella masturbazione dei piedi. Siediti di fronte al partner e posiziona i piedi ai lati del pene stringendoli come in una morsa. Esegui una masturbazione simile a quella effettuata con le mani ma attenzione a non stringere in maniera eccessiva. Puoi anche decidere di fermarti ad intervalli e accrescere così l’eccitazione e il desiderio.

È importante applicare del lubrificante sulle zone coinvolte dalla pratica, perché nonostante il pene si auto-lubrifichi, la quantità non è sufficiente a rendere scivolosi i piedi, perciò si andrebbe a generare un attrito dovuto alla secchezza che si tradurrebbe in una sensazione di fastidio e di dolore per lui.

Estetica e cura dei piedi

piedi femminiliPrima di dedicarsi alla masturbazione con i piedi è importante tenerli curati per donare piacere sia a livello fisico che visivo. Non è fondamentale recarsi dall’estetista, bastano infatti alcuni oggetti come la pietra pomice, uno smalto, la limetta per le unghie e in aggiunta l’olio d’oliva per i massaggi. È molto importante tenere le unghia dei piedi tagliate mentre la pelle deve risultare morbida, liscia e senza calli.

Passare quindi la pietra pomice sui duroni e sui calli e in seguito applicare dell’olio per massaggi (oppure olio d’oliva o una lavanda profumata) in special modo sulla pianta del piede e il tallone. Una pelle levigata e liscia offre una sensazione più appagante.

Alcuni adoratori dei piedi, invece, cercano esperienze più estreme come per esempio piedi in cattivo stato, callosi, sporchi e maleodoranti.

CONTATTAMI IN PRIVATO!

Un commento su “Masturbazione con i piedi: come farla al meglio”

Lascia un commento